Era il marzo del 1999 quando Tiscali, per prima in Italia, promosse la connessione a Internet gratuita. Oggi una percentuale enorme di persone usa lo smartphone per chattare, ma in quei primi anni erano ben pochi a conoscere il mondo virtuale e a interagire con persone lontane scrivendo anziché parlando.

Le passioni, le speranze, gli amori, i timori e le amicizie importanti diventano lettere dell’alfabeto in successione. Non si ha la possibilità di guardarsi negli occhi, di consolarsi con un abbraccio. L’esistenza passa attraverso uno schermo e nessuno può sapere cosa ci sia al di fuori dei pixel del monitor. Si intrecciano sentimenti profondissimi a chilometri di distanza.

Questo romanzo è nato nel 2001 nell’intento di mostrare Internet così com’è: con i suoi aspetti oscuri ma anche quei suoi lati affascinanti e irresistibili. Voleva fotografare quel “nuovo mondo” da dentro, un dentro che molti ancora non conoscevano, eppure era abitato e popolato già dai primi pionieri: giovani, soprattutto.

Questo romanzo appartiene all’età in cui si pensa di poter cambiare il mondo. Quell’età in cui nessuna crisi nazionale può impedire di inseguire i propri sogni. Quell’età in cui si è ancora un po’ bambini ma non troppo adulti, abbastanza piccoli per sperare ancora, sufficientemente grandi per essere realisti.

Fino al 2014 non ci sono stati editori disposti a pubblicare un romanzo come questo. Perché denunciava una realtà scomoda, invisibile, incomprensibile, talvolta perfino derisa e condannata.
Poi i tempi sono cambiati, Internet è diventato mobile e tutti noi sempre più interconnessi. La tematica del romanzo è finalmente diventata accessibile a tutti. Grazie al concorso IoScrittore “Noi non siamo qui” è stato pubblicato, a più di dieci anni di distanza dalla sua prima stesura.

La tecnologia raccontata nel romanzo ha dovuto aggiornarsi, per stare al passo coi tempi. Ma i protagonisti ventenni della storia sono rimasti gli stessi: erano veri alle soglie del 2000 e sono veri, verissimi, anche adesso.

Non è un’età anagrafica: è un’età di pensiero e di approccio alla vita.

 

Annunci